Ebook ( in formato PDF)

Tutti i download
Numero dei Download: 11
Downloads:

18 Tesi su marxismo e liberazione animale
Un documento sui temi cruciali della "crisi ecologica" e della condizione degli animali nella nostra società. Introduzione e traduzione italiana delle "18 Tesi su marxismo e liberazione animale" (pubblicate in Germania nel 2017), a cura di un gruppo di compagni ecosocialisti/antispecisti e della Redazione di Antropocene.org.

Marxismo e la liberazione degli animali sono due cose che, a prima vista, non sembrano avere molto in comune. Né il primo si è fatto notare per essere particolarmente amorevole verso gli animali, né gli amanti degli animali sono noti per aver fatto propria la causa della liberazione della classe operaia e della costruzione di una società socialista.

> Link versione inglese (2018) CLICCA QUI

> Link versione originale tedesca (2017) CLICCA QUI

 

Data 2022-08-02
Lingua  Italian
Dimensioni del File 2.65 MB
Download 54

Giuseppe Sottile e Antonio Pagliarone: 26 Tesi sulla Società della miseria
Una critica al regime del lavoro "neoservile", contrassegnato dalla concorrenza spietata tra salariati su cui gioca il dominio del capitale.

Diversamente da quanto solitamente immaginato, la "politica" non ha mai avuto alcun ruolo rilevante nelle società capitalistiche, specie riguardo all’influenza da essa esercitata sulle fasi del trend economico. Essa ha goduto dei favori della crescita economica un tempo (Golden Age) come è caduta in disgrazia quando si è entrati in una fase di pronunciato declino economico.

Data 2022-09-02
Dimensioni del File 114.35 KB
Download 47

Antithesis: Sull'ecologia del capitalismo
Questo testo è una critica dettagliata delle "soluzioni" proposte dalla "economia ambientale" - che ruotano principalmente intorno alla monetizzazione della natura, alla "internalizzazione" delle risorse naturali all'interno del mercato capitalistico.

Attraverso le armi della critica marxiana dell'economia politica, viene evidenziato come il dominio del modo di produzione capitalista si intreccia con la svalutazione permanente sia della natura umana che di quella extra-umana. Nell'ultima parte del testo vengono presentate alcune dimensioni delle lotte sociali che sono scoppiate contro la svalutazione della natura e vengono criticate le ideologie che sono emerse ed impediscono lo sviluppo di tali lotte.

Articolo pubblicato originariamente sul sito Αντίθεση (Antitesis) nel dicembre 2016

Data 2022-08-02
Lingua  Italian
Dimensioni del File 412.48 KB
Download 26

Countdown 1
Primo numero della rivista che offre materiale di economia politica marxista proveniente da fonti internazionali.

Il modo di produzione capitalistico può essere analizzato in due modi che sono tipicamente complementari, ed a cui solo l'ecosocialismo ha prestato attenzione . Uno ("la ricchezza delle nazioni"), ed è quello classico, riguarda l'analisi economica teorica ed empirica marxiana, che considera i flussi monetario-finanziari (ad esempio il saggio di accumulazione o del profitto). L'altro (il peso delle nazioni), riguarda il metabolismo sociale, ossia considera l'enorme flusso di materia-energia che impiega  il modo di produzione capitalistico e con cui viene "scavato" il pianeta (estrazione annuale di minerale, combustibili fossili, bilancia commerciale fisica etc.).
Al primo sfugge il lato fisico-naturale, l'impatto devastante sulle condizioni fisiche di produzione che soggiace le analisi delle dinamiche economiche capitalistiche (ad es. lo stato della produzione primaria netta di biomassa o dello scambio ecologico ineguale tra paesi).
Al secondo sfugge il lato delle dinamiche economiche di riproduzione del sistema capitalistico (ad es. lo stato degli investimenti e dunque dell'occupazione, del welfare etc.).

Il focus di Antropocene.org riguarda propriamente il secondo aspetto. In questa sezione rendiamo disponibili materiali riguardanti il primo, liberalmente concessici dal sito countdownnet.net. - A cura della Redazione di Antropocene.org

> Per leggere e scaricare Countdown, 1 CLICCA QUI

Data 2022-08-10
Lingua  Italian
Dimensioni del File 1.11 MB
Download 18

Enrico Giannetto: Towards a Non-human Speciophilosophy
L'autore introduce in questo testo il concetto di speciofilosofia: il tentativo di rapportarsi al pensiero animale da un punto di vista non antropocentrico.

Dopo la pubblicazione del libro di Jacques Derrida, L'animal que donc je suis, l'antispecismo ha cercato una base teorica per il suo contenuto etico. Secondo me, il difetto di tutte queste prospettive filosofiche è che in esse gli animali sono ancora una volta ridotti ad oggetti della filosofia umana. Qui, sviluppo un nuovo quadro teorico in cui gli animali sono considerati soggetti della propria filosofia. In analogia al concetto di etnofilosofia, viene qui introdotto il concetto di speciofilosofia.
Vengono delineati i modi diversi di pensare dell’uomo e degli altri animali, spiegando la differenza tra ragionamento verbale e pensiero per immagini. Le filosofie umane si dimostrano ideologie antropocentriche, legate al carnivorismo. Successivamente vengono discusse le speciofilosofie animali e si propone una synfilosofia dialogica tra tutti gli esseri viventi come estensione della cosiddetta filosofia del dialogo. Infine, si mostra come questa prospettiva fosse presente nell'etica del cristianesimo primitivo. Enrico Giannetto

Fonte: Ethics in Progress, Vol. 11, 2020, No. 2, Art. #2, pp. 9-30.

Data 2022-08-04
Lingua  English
Dimensioni del File 560.74 KB
Download 22

Erald Kolasi: Lo stato ecologico
Una analisi scientifica della questione economica ed ecologica globale su base quantitativa, oltre che meramente qualitativa a cui segue un commento di Giuseppe Cassone.

Il superamento del capitalismo richiederà non solo tassi più bassi di consumo di energia da parte delle economie avanzate del mondo industrializzato, ma anche un cambiamento radicale del modo in cui comprendiamo lo scopo dell’attività economica, l’affrancarsi dall’attuale ossessione per la crescita – misurata attualmente in termini di prodotto interno lordo – ed una maggiore attenzione alla stabilità energetica. Erald Kolasi

> ARTICOLO IN RASSEGNA Lo stato ecologico

Data 2022-08-03
Lingua  Italian
Dimensioni del File 185.27 KB
Download 28

Ian Angus: Il capitale contro i beni comuni
Sono qui raccolti i sei interventi di Ian Angus - pubblicati nel 2021/2022 su Climate&Capitalism - sul primo capitalismo e l'agricoltura in Inghilterra.

Questa serie di articoli si è focalizzata sull'Inghilterra, dove l'espropriazione ha comportato una guerra secolare contro i beni comuni. Tra il declino del feudalesimo e l'ascesa del capitalismo industriale, la società rurale fu trasformata da quel complesso di processi noti comunemente come enclosure. La separazione della maggior parte delle persone dalla terra e la conseguente concentrazione della proprietà di essa nelle mani di una piccola minoranza furono cambiamenti rivoluzionari nei modi in cui gli uomini vivevano e lavoravano. Ciò è avvenuto in modi e tempi diversi nelle diverse parti del mondo, ed è ancora in corso oggi. Ian Angus

Data 2022-08-01
Lingua  Italian
Dimensioni del File 448.79 KB
Download 41

Ian Angus: La pesca e la nascita del capitalismo
Sono qui raccolti i quattro interventi di Ian Angus - pubblicati nel 2021 su Climate&Capitalism - sul ruolo della pesca nella nascita e diffusione del capitalismo, e sul ruolo giocato dal capitalismo nella attuale estinzione di massa della vita oceanica.

L'esistenza di una grande industria della pesca durante quella che Marx chiamò l'era della manifattura è fuori dubbio. Nonostante ciò, gli storici che discutono sull’origine del capitalismo hanno raramente menzionato un'industria che impiegava più lavoratori che in qualsiasi altro settore diverso dall'agricoltura. Spero che questo articolo contribuisca a un quadro più completo e mostri che nessun resoconto delle origini del capitalismo è completo se omette lo sviluppo e la crescita della pesca intensiva nei secoli in cui nacque il capitalismo. Ian Angus

Data 2022-08-02
Lingua  Italian
Dimensioni del File 446.05 KB
Download 28

John Bellamy Foster e Brett Clark: Il Capitaliniano, la prima età geologica dell’Antropocene
L'evento di passaggio che segnala la fine dell'Olocene è avvenuto intorno al 1950 e porta all'inizio di quello che l’Anthropocene Working Group considera l'epoca dell’Antropocene e a quello che noi proponiamo come concomitante età Capitaliniana.

Questa transizione nel tempo geologico, che è profondamente è associata alla Grande Accelerazione del capitalismo monopolistico globale negli anni '50, da cui è conseguita un’età di crisi ecologica planetaria. Ciò ha comportato un progressivo allontanamento da un'ambientale «epoca altamente stabile» verso una in cui una serie di condizioni limite chiave, in particolare associate ai cicli di carbonio, azoto e fosforo, sono chiaramente al di fuori della gamma di variabilità naturale osservata nell'Olocene. Ora, mega siccità, mega tempeste, innalzamento del livello del mare, incendi incontrollati, deforestazione, estinzione di specie e altre minacce planetarie stanno emergendo in rapido ordine, non semplicemente come forze esterne, ma come il prodotto della frattura antropogenica procurata dal capitalismo nel Sistema Terra.

> ARTICOLO IN RASSEGNA Il Capitaliniano: la prima età geologica dell'Antropocene

Data 2022-08-15
Lingua  Italian
Dimensioni del File 334.54 KB
Download 32

John Bellamy Foster: Ecologia
Il testo è tratto da “Marx revival. Concetti essenziali e nuove letture”, a cura di Marcello Musto, Donzelli, Roma 2019 (p. 199-219).

Una panoramica sulle fondamenta teoriche dell’ecosocialismo con rilievi sugli sviluppi politici recenti che ci sono stati, a sinistra, su questi temi. Foster delinea i tratti essenziali dell’influenza del pensiero verde sul pensiero socialista e comunista, e sottolinea come sebbene fino agli anni Ottanta, a Marx si incolpasse una “insensibilità” verso l’ecologia, dagli anni Novanta in poi, entrati in una nuova fase dell’ecosocialismo, si è proceduto a una sorta di “dissotterramento del pensiero ecologico di Marx”, oggi pienamente riscoperto.

Data 2022-08-02
Lingua  Italian
Dimensioni del File 183.53 KB
Download 25

Rapporto IPCC sul Cambiamento climatico - 2021.
Questo sommario per i responsabili delle politiche (SPM) presenta i risultati chiave del contributo del Gruppo di lavoro I (WGI) al sesto rapporto di valutazione (AR6) dell'IPCC sulla base delle scienze fisiche del cambiamento climatico.

Questo SPM fornisce un riassunto di alto livello della comprensione dello stato attuale del clima compreso il modo in cui sta cambiando, il ruolo dell'influenza umana, lo stato delle conoscenze sui possibili futuri climatici, le informazioni climatiche rilevanti per regioni e settori limitando il cambiamento climatico indotto dall'uomo. Sulla base della comprensione scientifica, i risultati chiave possono essere formulati come dichiarazioni di fatto o associati a un livello di confidenza valutato indicato utilizzando il linguaggio calibrato dell'IPCC.

Traduzione controllata e formattata da Mario Agostinelli  

Sommario
: Introduzione - A. Lo stato attuale del clima - B. Possibili scenari futuri del clima - C. Informazioni sul clima per la valutazione del rischio e l'adattamento regionale - D. Limitare i futuri cambiamenti climatici.

> ARTICOLO IN RASSEGNA Rapporto IPCC 2021: allarme globale

Data 2022-08-10
Lingua  Italian
Dimensioni del File 2.37 MB
Download 21
Politica della privacy

Questo sito utilizza cookie tecnici per la navigazione. Per continuare la lettura delle pagine clicca ACCETTO