La Greater London Assembly "deve fermare l'uso di diserbanti e pesticidi chimici, tra cui glifosato, sul suo territorio".

I pesticidi non dovrebbero mai essere utilizzati dalla Greater London Assembly e le sostanze chimiche dovrebbero essere vietate in tutta la capitale del Regno Unito, ha affermato un candidato alle elezioni del sindaco.

Sian Berry, la candidata a sindaco di Londra del Partito dei Verdi, ha chiesto la fine dell'uso di pesticidi sui terreni controllati dal sindaco e promette, se eletta, di impegnarsi per rendere tutta Londra priva di pesticidi.

Berry si è impegnata oggi a interrompere immediatamente l'impiego di tutti gli erbicidi e i pesticidi chimici, incluso il glifosato, sui terreni controllati dalla GLA (Greater London Authority = Autorità della Grande Londra). Inoltre, lavorerà per aumentare il numero di consigli comunali che adottano la stessa politica per gli spazi pubblici, i percorsi pedonali e le tenute, e per rimuovere queste sostanze chimiche dai garden center e dai rivenditori in città.


Tossico

Berry ha detto: “Londra dovrebbe essere la città più verde del mondo, e questo significa eliminare i veleni chimici che danneggiano così tanto il nostro mondo naturale."

“Il glifosato comporta rischi per la salute, oltre ad avere un impatto sulla natura, eppure troppi comuni lo usano ancora sui marciapiedi, nei cortili delle scuole e intorno ai complessi residenziali e ai parchi dove giocano bambini e animali domestici."

“È sbagliato e pericoloso che questo venga spruzzato su e giù per le nostre strade a Londra, mettendo tutti a rischio mentre distrugge la fauna selvatica."

Berry ha chiesto "un obiettivo per smettere di spruzzare questo veleno attorno ai luoghi in cui viviamo e dove la natura ha bisogno di prosperare completamente entro due anni."

Ha aggiunto: “Siamo in grado di intervenire direttamente per eliminarne l’utilizzo sui terreni e sulle strade che controlliamo dal municipio, e riunirò consigli per condividere la conoscenza sui modi meno tossici per rimuovere le piante problematiche, oltre a ridurre la necessità di controllare le piante infestanti attraverso la semina e la gestione rispettose della natura delle nostre strade e degli spazi verdi.”

Fiori di campo

Ciò sarà combinato con una mirata istruzione, attrezzature e un programma di condivisione delle competenze per i consigli di circoscrizione, associazioni edilizie e per alloggi e giardinieri domestici su alternative efficaci, inclusi approcci che gestiscano spazi meno curati al fine di ridurre la necessità di una gestione delle piante di qualsiasi genere.

Berry fisserà anche un obiettivo per l'uso zero di glifosato in tutta Londra entro due anni, tranne che in modi altamente controllati e mirati, ad esempio mediante l’applicazione topica o l’iniezione contro specie invasive come il Poligono del Giappone.

Questo impegno segue anni di azione contro i pesticidi da parte dei Verdi all'Assemblea di Londra. Nel 2019, Caroline Russell MdA ha proposto una mozione all'Assemblea di Londra che ha deciso di portare avanti un piano d'azione e un calendario per una forte riduzione dell'uso del glifosato sui terreni GLA e nella tenuta del Transport for London e per chiedere a tutti i consigli municipali di fare lo stesso. La mozione è stata approvata all'unanimità.

Nel 2020, Caroline Russell ha chiesto due volte all'attuale sindaco un aggiornamento su come venivano attuate le raccomandazioni dell'Assemblea, ma lui non ha ancora indicato una data entro la quale sarebbe terminato l'uso del glifosato.

Molti Consigli in tutta Londra e nel resto del paese stanno riconoscendo gli impatti dannosi del glifosato e stanno riducendo o vietando l'uso del pesticida. Recentemente, il consiglio di Hackney ha annunciato che più di 200 spazi verdi nelle sue proprietà comunali saranno liberi dal glifosato nel 2021, insieme all'impegno di piantare più prati di fiori selvatici.


Brendan Montague
(Il presente articolo è basato sul comunicato stampa del Partito dei Verdi. The Ecologist è pubblicato da The Resurgence Trust, un ente di beneficenza educativa. L'ente di beneficenza non supporta né sostiene alcun candidato o partito politico nelle elezioni del sindaco o in altre elezioni.)

Traduzione di Iris Legge - Redazione di Antropocene.org

Fonte: The Ecologist 07.04.2021

Articoli da The Ecologist in traduzione italiana